[vc_row][vc_column][vc_column_text]

GDPR: Come mettersi in regola?


[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column width=”3/4″][vc_column_text]

La deadline (ma forse sarebbe meglio dire: la start line!) per il recepimento e l’integrale applicazione del GDPR è stato l’appena trascorso 25 maggio 2018.

Chi comanda è il principio di accountability e che ognuno sarà libero di assumersi le sue responsabilità, abbiamo provato a declinare il da farsi in con un approccio consulenziale, ponendoci, come facciamo sempre, nella stessa condizione del nostro cliente che accompagneremo, in tutto o in parte, in questa avventura.

Per quali aziende si applica?

Il regolamento si applica a tutte le aziende, indipendentemente dalla dimensione, che operano all’interno della UE. Inoltre si applica anche ad aziende extra UE ma che offrono beni o servizi a clienti che si trovano all’interno della UE.

[/vc_column_text][vc_row_inner][vc_column_inner width=”1/2″][vc_single_image image=”141″ img_size=”full”][/vc_column_inner][vc_column_inner width=”1/2″][vc_column_text]

Cosa fare per adeguarsi?

L’entità del progetto di adeguamento è dipendente da tanti fattori

  • tipologia di azienda

  • grandezza dell’azienda

  • tipologia dei dati trattati

  • livello di maturità nel ciclo di vita del trattamento

[/vc_column_text][/vc_column_inner][/vc_row_inner][vc_column_text]

Il primo step è sicuramente comprendere quali dati si stanno trattando e il livello di maturità che si ha nella loro gestione. Non tutte le aziende necessitano di progetti lunghi, complessi e costosi; molte di queste, con le giuste informazioni, possono essere messe in grado di adeguarsi agevolmente.

[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”1/4″][vc_empty_space height=”25px”]

[vc_separator][vc_single_image image=”53″ img_size=”full” onclick=”custom_link” link=”/domande-frequenti”][/vc_column][/vc_row]